impianti di areazione centrali 

Un’aria sana è molto importante affinchè le persone che passano molto tempo in ambienti chiusi possano sentirsi bene. Oltre ad essere un presupposto per la tutela della salute e per il benessere, è però utile anche per prevenire danni all’edificio, che possono insorgere per l’esistenza del cosiddetto “cappotto” a tenuta d’aria.

L’ordinanza sulla conservazione del calore poneva regole intese a limitare il fabbisogno di riscaldamento annuale negli edifici abitativi di nuova costruzione. In particolare, veniva sottolineata l’importanza di un involucro costruttivo a tenuta d’aria, o cappotto, ovvero di accorgimenti isolanti che evitassero la dispersione del calore.

La nuova ordinanza sul risparmio energetico  riassume in sé sia l’ordinanza sulla conservazione del calore che quella sugli impianti di riscalda­mento. Questa visione globale tiene conto dei due metodi più significativi per abbassare i consumi di energia: una maggiore conservazione del calore trami­te accorgimenti costruttivi e l’incremento dell’efficienza tecnica degli impianti. Al centro del discorso stanno da una parte il consumo di energia primaria, necessaria per ottenere riscaldamento/acqua calda negli edifici di abitazione, nonché per gli impianti installati (tra cui anche gli impianti di ventilazione), dall’altra l’esecuzione a tenuta d’aria del cappotto.

L’edilizia a basso consumo energetico diventa lo standard, per cui – rispetto all’ordinanza del ‘95 – il fabbisogno consentito di riscaldamento annuale viene ancora una volta abbassato del 30% ca..